L'APPLICAZIONE DEL MESE! POMPE PERISTALTICHE ESPANGO - SERIE IPI

Le pompe peristaltiche Espango sono il frutto di nostri studi, realizzazione, sviluppo e aggiornamento. Possiamo vantare più di 50 anni di esperienza nel corso dei quali abbiamo potuto elaborare la giusta soluzione alle molteplici esigenze dei nostri numerosi e affezionati clienti.
Le pompe peristaltiche che produciamo vengono utilizzate per trasferire alcuni dei liquidi più difficili e sostanze chimiche esistenti in commercio, ma l’azione di pompaggio è delicata; questo rende la pompa peristaltica Espango idonea al lavoro con prodotti sensibili al taglio come i tecnopolimeri e permette il passaggio di corpi solidi o ingredienti corposi che devono rimanere integri, vedi produzioni alimentari.
Equipaggiamo le pompe peristaltiche che produciamo con tubi di notevole resistenza all’abrasione e predisposti per due o tre rulli, senza sostituire il supporto a disco in acciaio o alluminio sul quale sono montati.
La combinazione di grandezza delle testate, dimensioni dei tubi, motori, riduttori, variatori meccanici o variatori elettronici di frequenza, sviluppo orizzontale o verticale, carrelli ecc. ci consente di offrire ai nostri clienti un range di capacità che rende le nostre pompe peristaltiche Espango idonee all’utilizzo in laboratorio fino alle applicazioni minerarie.
Come funziona una pompa peristaltica?
La peristaltica è una pompa volumetrica utilizzata per il trasferimento e/o il dosaggio di un’ampia varietà di fluidi.
Il liquido è contenuto all’interno di un tubo speciale alloggiato nel corpo pompa o culla. Il principio di pompaggio, peristalsi, è basato sulla compressione alternata e sul rilassamento del tubo; questa azione consente di aspirare e pompare fuori il contenuto. Il rullo rotante (nel nostro caso due o tre) scorre lungo il tubo e crea una tenuta temporanea tra l’aspirazione e la mandata o scarico della pompa. Quando il disco con i rulli gira, questa pressione di tenuta si sposta lungo il tubo, obbligando il prodotto da travasare a spostarsi dalla pompa allo scarico o mandata. Quando la pressione (lo schiacciamento) è rilasciata, il tubo si rianima, creando un vuoto che attira il prodotto nel lato dell’aspirazione.